Karting: Qualifiche e manches ufficiali a Sarno per le Rotax Grand Finals

DAY 4, quarto giorno delle Rotax Max Challenge Grand Finals al Circuito Internazionale Napoli con le prove ufficiali e ben 10 gare come Manches di qualifica.

Sulla strada per giungere alle gare Finali dell’evento mondiale Rotax, a Sarno presso il Circuito Internazionale Napoli sono iniziate le attività ufficiali in pista con la disputa delle prove cronometrate di qualifica e le gare valide come manches di qualifica appunto. Come già comunicato, il paddock e le tribune sono strapiene con ben 360 piloti in pista da 59 nazioni. I piloti sono divisi per la competizione in 6 classi tutte motorizzate Rotax.

Dopo lo scorso fine settimana dedicato all’accoglimento ed alla registrazione dei piloti e dei rispettivi team nazionali, di lunedì e martedì si sono svolte le prove libere ma è stato proprio il giorno 4 dell’evento a dare i primi riscontri ufficiali con le prove di qualificazione e ben 10 gare valide come manches.

Eccellenti le condizioni meteo e pista un po’ scivolosa a causa delle forti piogge dei giorni precedenti.

Per quel riguarda i risultati delle prove cronometrate, valide per ottenere le pole position nelle successive gare come manches, ecco i nomi: nella classe Micro Max, R. De Haan (NED) con 1.11.488; nella Mini Max, M. Boya (ITA) con 1.07.934; nella Max Junior, R. Macdermid (CND) con 1.03.010; nella Max Senior, M. Novak (AUT) con 1.01.735; nella Max DD2, K. Bielecki (POL) con 1.00.113 ed infine nella Max DD2 Masters, N. Verheul (RSA) con 1.00.635.

A seguire si sono svolte ben 10 gare come manches ed i nomi nel particolare leaderboard del Circuito sono stati, quindi vincitori: S. Vallve dall’Ungheria nella Micro Max, il francese V. Bernier nella Mini Max; l’inglese J. Hoggard nella Max Junior, L. Schiavo pilota venezuelano con licenza USA nella DD2 Master.

In attesa delle gare  Grand Finals di sabato 22 di ottobre, per giovedì, day 5, alter due sessioni di gare come Manches più il warm-up nella prima mattinata

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *