KARTING: Spettacolare WSK Super Master Series a Sarno

Al Circuito per l’ultima prova della serie mentre è già tutto pronto per l’Europeo Cik FIA.

A Sarno, presso il Circuito Internazionale Napoli si è svolta l’ultima prova del WSK Super Master Series. Pienone in pista per uno dei campionati per il Karting più importanti e competitivi a livello mondiale attratti soprattutto dalla struttura campana. Nel paddock coloratissimo, per questa tornata anche Mick Doohan ex campione motociclistico, Ralf Schumacher e Jarno Trulli.

251 piloti divisi in quattro classi di gara. Ben 38 gare durante il fine settimana con le conclusive di domenica. Paddock ben frequentati per i fans dei motori e tribune strapiene. Questi sono stati i numeri dell’ultimo round del WSK Super Master Series a Sarno, presso il Circuito Internazionale Napoli.
Eccellente spettacolo e colpo d’occhio iniziato nella pista con le qualifiche del venerdì che hanno visto segnare il miglior tempo ai piloti motorizzati dalla Vortex in tre delle quattro classi fra cui la più prestazionale KZ che si esalta al Circuito. La giornata intermedia del sabato ha visto in programma ben ventisei gare in totale dove si sono confermati i valori prestazionali di stagione e delle prove. Di domenica, fase conclusiva. Dei 251 piloti, hanno avuto accesso in griglia per le gare conclusive, 34 piloti per classe.
Quindi, come da programma, ha iniziato la finale classe OK. Classe con motorizzazione 125cc, senza cambio, a presa diretta, aperta a piloti dai 15 anni a salire. In pole position l’inglese C. Novalak (TonyKart/Vortex) affiancato dal compagno di scuderia, lo spagnolo P. Hiltbrand. 17 giri di gara infuocati sul chilometro e mezzo del percorso di Sarno che hanno invece visto la vittoria del polacco e campionissimo K. Basz (Kosmic/Vortex) che ha preceduto Hiltbrandt e l’italianissimo L. Travisanutto (Zanardi/Parilla). Quarto il poleman Novalak. A seguire, la classe OKJ. Sempre 125cc di cilindrata, sempre a presa diretta ma peso inferiore rispetto alla OK come da regolamento. Prima fila formata dalla coppia di piloti britannici Lulham (TonyKart/Vortex) e O’Sullivan (FAKart/Vortex) con l’italiano M. Michelotto alle loro spalle. Partenza concitata ma corretta. E’ il prologo dei brividi che si vivranno in gara. Brividi sportivi. Ed infatti Lulham viene coinvolto dopo poco in un incidente di gara che lo mette fuori dai giochi, anche l’altro inglese O’Sullivan si tira fuori dalla gara. E’ Michelotto che attentissimo, prende la testa del gruppo, la difende con intelligenza e conclude vittorioso con alle sue spalle per il podio Maloney e l’altro italiano L. Coluccio. Tutti spinti dal motore Vortex con telaio del gruppo TonyKart. Terza finale, la più attesa è quella della KZ, la classe più prestazionale del Karting dotata di motore con cambio a sei rapporti. Il finlandese S. Puhakka (Kosmic/Vortex/Bridgestone) è in prima postazione di griglia ed arriva in finale anche con il record assoluto della pista di Sarno. Semaforo verde ed ai primi giri scambi al vertice fra il finlandese e il francese J. Iglesias (FormulaK/Tm/Bridgestone). Colpo di scena ed è fuori Puhakka con Iglesias in vetta, il ceco P. Hajek e l’olandese B. Lammers (Sodì/Tm/Bridgestone) a formare il terzetto di testa. Da dietro, per il podio spingono al massimo l’altro transalpino A. Abbasse (Sodì/Tm/Bridgestone). Per i piloti locali: purtroppo fuori Francesco Celenta. Attardatissimo in griglia ma grandioso scalatore F. Tiene e gara di tamponamento ma dignitosa per C. Mollo. Si ritorna in vetta con il ceco Hajek che mantiene la posizione ma è ora a seguirlo Abbasse insieme al granitico Lammers. Si congela la classifica e grande vittoria per P. Hajek. A concludere il programma, la 60cc Mini. Gara su 8 giri e super vittoria per il brasiliano R. Camara (BirelArt/Tm) al fotofinsh sull’italiano F. Pulito ed a concludere il podio il siciliano G. Minì.
Prossimo appuntamento corse al Circuito Internazionale Napoli con il primo round del Campionato Europeo della Cik FIA dal 19 al 23 aprile prossimo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *